L’S&P 500 vede un segnale di vendita TD9 confermato su diversi time frames, ma i trader rimangono ottimisti sul prezzo del Bitcoin.

L’indicatore di vendita TD9 è emerso sul grafico S&P 500 in vari periodi di tempo. Considerando l’elevato livello di correlazione tra Bitcoin Evolution e azioni, potrebbe accennare ad un ritiro dei prezzi BTC a breve termine.

Ma i trader di cryptocurrency sembrano rimanere indifferenti alla vulnerabilità delle azioni. Diversi trader prevedono che il Bitcoin si riprenderà verso la metà degli anni ’90, nonostante il TD9 indichi una correzione.

Che cos’è il sistema TD9 e perché potrebbe accennare a un pull back di BTC?

Un segnale di vendita TD9 è un indicatore parte del sistema sequenziale TD ampiamente citato. Esso individua una potenziale inversione di tendenza identificando le correzioni o i rally eccessivamente estesi.

Un segnale TD9 buy o sell appare quando nove candele consecutive sono più alte delle quattro candele precedenti. Come esempio, supponiamo che il prezzo di Bitcoin abbia aperto a $10.000 su un grafico giornaliero all’inizio di un mese. Se BTC chiude sopra i $10.000 per i successivi 13 giorni, un segnale di TD9 sell confermerebbe.

In genere, un rally di 13 giorni con un minimo di ritiri porta alla conferma di un segnale di TD9 sell in molti periodi di tempo. Questa settimana, un trader pseudonimo noto come Fomocap ha affermato che il segnale è emerso sui grafici S&P 500 giornalieri, 12 ore e 6 ore. Il trader ha detto:

„Il segnale TD9 è stato confermato su SPX: 1. D SPX 2. Multiframe: 24h, 12h, 6h“.

I dati di Skew nel frattempo mostrano che il prezzo del Bitcoin ha dimostrato un livello relativamente alto di correlazione con le azioni da marzo. Come tale, se il mercato azionario dovesse scendere nel breve termine, potrebbe influenzare il sentimento intorno al Bitcoin.

Bu, il trader ha sottolineato che la precisione del segnale TD9 è dibattuta perché può dare falsi segnali. In un mercato toro, per esempio, il prezzo delle azioni Bitcoin o statunitensi può vedere continuamente trend al rialzo senza grossi ritiri.

In questo caso, il sistema sequenziale TD potrebbe diventare meno efficace. Il trader ha detto:

„E‘ uno dei tanti modelli di PA. Sì, fondamentalmente uno slancio. Anche il TD9 fornisce molti segnali falsi. Meglio raccogliere tutti i dati, le angolazioni, le viste, poi bloccati nel proprio paradigma di immaginazione. Giusto per rimanere sul radar, non seguire alla cieca“.

I trader di Crypto rimangono ottimisti su Bitcoin

Allo stesso tempo, secondo l’analista di mercato Michael van de Poppe, la tendenza al rialzo della Bitcoin rimane intatta a causa della resistenza in una forte area di supporto.

Il Bitcoin è rimasto al di sopra dei 9.200 dollari per la maggior parte degli ultimi due mesi. BTC ha visto un breve calo sotto i 9.000 dollari, ma il top della crittovaluta ha recuperato rapidamente.

Se BTC continua a difendere il livello di 9.200 dollari e supera i 9.300 dollari, Van de Poppe ha notato che è probabile che un rally oltre i 9.600 dollari. Ha detto:

„Finora tutto bene. La tenuta del supporto, il massiccio incidente non si è verificato. Se rompiamo i 9.300 dollari, penso che 9.600 dollari siano un obiettivo probabile a breve termine“.

Anche il trader Bitcoin Zoran Kole ha suggerito che le probabilità che la tendenza al rialzo dei Bitcoin continui fino alla metà degli anni ’90 rimangono alte.